Come dirigere un periodo? Punto di partenza e punto di arrivo

36 Condivisioni

Costruire un periodo fino al suo momento culminante è fra le cose più ardue per uno studente.

Battere il tempo in fondo non è difficile, ma dirigere mostrando un punto di partenza ed un punto d’arrivo richiede una certa pratica.

Ciò che lo rende particolarmente difficile è riuscire a costruire una tensione fino al liberatorio momento culminante. Soprattutto in quei periodi lunghi tipici di un Mahler o Wagner.

Come cominciare a padroneggiare queste nozioni e dirigere un periodo nel modo corretto?

Ovviamente con l’esempio e con l’ausilio di brani ad hoc, come questo frammento della Seconda di Beethoven (primo movimento, batt.322 -340)

Battere solamente il tempo non è sufficiente (prima esecuzione nel video).

Una soluzione è saper combinare due gesti, lo schema ridotto all’essenziale, ed un movimento ascendente del braccio fino al top (seconda esecuzione).

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

altro esempio

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per ulteriori informazioni puoi consultare la nostra privacy e cookie policy maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi