Ministero della Cultura della Federazione Russa

Conservatorio di Stato Nikolaj Rimsky-Korsakov di  San Pietroburgo

Dipartimento di Teoria musicale

 

Estratti dalla tesi di laurea di

Veronika Nikolaevna Dragan

 

Impostazione  scientifica e metodologica di  Ilya  Musin  e la pubblicazione  di Ennio Nicotra “Introduzione alla tecnica della direzione  d’orchestra secondo il sistema di Ilya Musin”

Lavoro di qualificazione finale  Laurea di II livello

specialità 53.05.05 Musicologia

 

relatore

 il preside della cattedra di teoria della Musica, professoressa

Elena Vladimirovna Titova

San Pietroburgo 2018

 

INTRODUZIONE

Sono passati circa duecento anni  dalla comparsa della figura professionale  del direttore d’orchestra  , ma fino ad ora l’arte di dirigere è stata considerata una delle aree meno studiate della sfera musicale,  ciò richiede urgentemente uno studio dettagliato.  Questo è eloquentemente espresso dalle testimonianze di molti insigni musicisti. A questo proposito riportiamo  le parole di eminenti conduttori,  come ad esempio  Kirill  Kondrashin, “… probabilmente non c’è altro ramo musicale che sia così poco analizzato in maniera scientifica ” . Analogamente  scrive  Ilya Musin: “È improbabile che qualcuno, in un modo o nell’altro, in contatto con il mondo della direzione d’orchestra, non si sia chiesto: che tipo di arte misteriosa è questa?”  I grandi maestri della direzione dei secoli XIX e XXI si sono interessati al chiarimento di questa complessa questione, riflettendo nelle loro opere letterarie la loro visione soggettiva sulle problematiche inerenti  questa disciplina.

Dal momento in cui questa figura si è consolidata come professione , sono comparsi molti testi   che cercano di analizzare i vari aspetti della performance dei direttori. Nel ragionamento degli autori di questi lavori,  che si tratti di un direttore d’orchestra, un compositore, un interprete o una figura musicale, viene trasmesso il loro approccio individuale all’arte di condurre. Esiste quindi un  considerevole volume di letteratura sulla direzione d’orchestra,  vario nei generi e nelle problematiche affrontate. La gamma di letteratura sull’argomento oggetto di studio comprende monografie, articoli scientifici, libri di testo, dissertazioni, pubblicazioni scientifiche divulgative, metodi, ecc. Molti lavori affrontano  una serie di problemi relativi alla professione del direttore, ai metodi di insegnamento, e a molti altri problemi relativi l’aree di direzione lirico-sinfonica.

Le prime pubblicazioni sull’argomento vengono alla luce  quasi contemporaneamente  al momento della comparsa della professione del direttore d’orchestra, questa fase è tradizionalmente indicata nella seconda metà  del diciannovesimo secolo. Le opere di compositori-conduttori di spicco della metà del XIX secolo, Richard  Wagner  e Hector  Berlioz  , le cui attività sono state un importante impulso allo sviluppo della direzione d’arte, sono tra le prime a essere studiate.  Esse fanno fuoco sull’interpretazione delle composizioni musicali, sulla preparazione di opere per la performance, sui vari problemi della formazione del processo esecutivo.

In seguito, con lo sviluppo della professione del direttore d’orchestra, quando si delinea un tipo di figura, la cui attività creativa è principalmente focalizzata sulla  interpretazione,  e  non come in precedenza impegnata nella composizione di opere musicali, compaiono numerosi lavori su  problematiche diverse. Nei testi di alcuni celebri direttori, che riflettono la loro esperienza, viene tracciato un approccio individuale all’arte della direzione. Le fonti letterarie fra la fine del XIX secolo –e  la prima metà del XX secolo danno un’idea non solo dei problemi della problematiche direttoriali  di una determinata epoca , ma anche delle caratteristiche dello stile esecutivo di alcuni direttori .

Questi includono opere di direttori , come la monografia di Felix  Weingartner “Sulla direzione”  in cui descrive alcune delle “stranezze” interpretative di alcuni direttori-interpreti , che erano il risultato della cieca imitazione delle azioni di Wagner, e più tardi del suo allievo e stretto collaboratore di Hans Bülow vedi l’articolo di R. Strauss “Sulla composizione e la direzione”, che contiene affermazioni sulla tecnica ed altro.  Della stessa serie ci sono testi di grandi direttori dell’inizio del 20 ° secolo e dei decenni successivi, in cui si svolgono discussioni su vari aspetti della direzione e alcuni preziosi consigli sono dati ai giovani conduttori: vedi l’articolo di V. Fur Twilight “On the Conductor’s Craft”, la monografia di G. Wood On Conducting , l’autobiografia di S. Münch “I am a conductor” , il libro di A. Boult “ Pensieri sulla direzione” , E. Leinsdorf “In Defense of the Composer” , G. Dehanta “Dirigendo” , ecc

In Russia, la letteratura sulla direzione  fino al XVIII secolo era principalmente associata alle esecuzioni corali. Nelle riviste scientifiche, viene spesso citata una delle prime fonti letterarie contenenti informazioni su alcune tecniche di direzione , la Grammatica del  Musicista, di Diletsky . Opere specifiche sulla teoria e la pratica della direzione corale iniziano nel 20 ° secolo. Tra questi, prima di tutto, deve essere citato il libro di   Chesnokov ” il Coro e  come dirigerlo”. Un po ‘più tardi, con lo sviluppo della teoria della direzione corale, è apparso un gran numero di lavori , tra cui “Saggi sulla tecnica di direzione del coro” di K. B. Ptitzi , “Nozioni di base sulla tecnica del dirigere ” di N.F. Ruote,  il libro di K.A. Olkhova, Fondamenti teorici della tecnica del direttore d’orchestra , S.M. Kazachkova “Il direttore d’orchestra e la sua impostazione” , ecc. Un certo numero di opere sono dedicate al lavoro con il coro: “Studi corali e gestione del coro” G.A. Dmitrevsky , “Teoria e pratica di lavoro con il coro” A.A. Egorova  e molti altri.

Uno dei primi lavori nel campo della direzione d’orchestra nella letteratura russa è l’articolo di N.А. Rimsky-Korsakov  “Un ‘epidemia di direzione” . In esso, Rimsky-Korsakov, descrivendo la situazione in questo settore a cavallo dei secoli XIX-XX, fornisce una classificazione dei direttori secondo le loro attività pratiche, descrivendo le qualità che dovrebbero possedere.  Verso  la metà del 20 ° secolo, la letteratura sulla conduzione  fiorisce  di  pubblicazioni contenenti le riflessioni  di importanti direttori sulla versatilità e complessità della professione, i suoi rappresentanti più illustri, il significato della professione, le qualità personali del direttore d’orchestra, ecc. Tuttavia,  le questioni  pratiche sulla direzione sono riportate in misura minore rispetto a quelle sopra indicate.

L.M. Ginzburg riguardo la direzione d’orchestra scrive che   “… l’idea di creare una teoria dell’arte performativa …” è nata all’inizio del XX secolo. Ginzburg individua  le prime opere di questo tipo in “A Guide to Conducting” di R. Kan-Speyer , così come i libri di B. Walter,  “Notes of the Conductor” di Pazovsky, e “Textbook of Conducting” di H. Scherchen . Sebbene questi scritti espongano alcuni metodi e principi per l’educazione del conduttore, non risolvono alla base il problema di apprendere la tecnica per dirigere.

Più tardi, nella seconda metà del XX secolo, compaiono monografie, libri di testo, opere educative e metodiche, che riguardano varie problematiche inerenti l’insegnamento, in particolare, la padronanza della  tecnica manuale. Questi includono opere come le monografie “Fondamenti delle tecniche di direzione” di Nikolay  Malko,   M.  Bagrinovsky “Conducting technique of hands”, E. Kahn “Elements of conducting” , il libro di  A.P. Ivanov-Radkevich “Sull’educazione del direttore d’orchestra”  ecc. Tra le opere esistenti in quest’area ci sono significative monografie di I.A. Musin “Tecnica della direzione d’orchestra” , “Sull’educazione del conduttore” ,  e “Il linguaggio del gesto del direttore” . Con la crescente popolarità della professione del direttore d’orchestra, con la creazione di moderne  e complesse composizioni, la gamma di problematiche legate alla direzione d’orchestra oggetto di testi  si sta espandendo. Ci sono opere scientifiche finalizzate allo studio di vari aspetti dell’attività psicologica del conduttore. Questo problema si riflette nelle più grandi opere di  Yerzhemsky: “Studi per acquisire padronanza: l’abilità psicomotoria interna”, “Psicologia della direzione”, “Regolarità e paradossi della  direzione” .

continua…

Per avere informazioni (date, sedi, programmi, modalità) sui prossimi corsi di tecnica della direzione d’orchestra: https://direzionedorchestra.com/contattami/