Come (e quando) realizzare l’attacco suddiviso discendente?

Nella tecnica della direzione d’orchestra vi sono decine di gesti base i quali possono essere applicati in corrispondenti contesti. La codificazione di questi gesti da parte di Ilya Musin è di grande aiuto per risolvere determitati momenti. Soluzioni che non sono banalità o aridi tecnicismi – come alcuni detentori della verità, con incomprensibile allarmismo, tentano accoratamente di far credere – ma che si distinguono sempre per riuscire a coniugare in un solo gesto espressività, chiarezza, musicalità, semplicità, tecnica.

Col tempo e la pratica ovviamente lo studente impara a riconoscere casistica e gesto da applicare. Mi ricordo sempre che quando cominciai a studiare al Conservatorio di San Pietroburgo la scelta del gesto da utilizzare in particolari passaggi mi complicava la vita, un giorno uno studente colombiano mi disse:

“Stai tranquillo, vedrai che fra qualche tempo la mano ti va da sola…”

ed effettivamente devo dire che dopo qualche mese, con mio stupore, ciò si verificò puntualmente. E questo succede anche nei miei allievi…

Automaticamente il cervello riconosce la casistica e applica il gesto corrispondente. Chiaramente ci vuole molto studio e pratica per rendere questo processo automatico.

Voglio con ciò introdurre uno di questi gesti base la cui applicazione spesso ti risolve molti problemi, di coordinazione tua e di aiuto per i musicisti: l’attacco o gesto suddiviso, un gesto base di grande utilità  nel riempire il tempo o spazio dove sono presenti delle suddivisioni interne.

Può rendere più efficaci le suddivisioni che spiccano in modo particolare dal tessuto melodico e ritmico, e quindi può essere applicato nel repertorio di tutti i generi.

Senza interrompere il gesto discendente del braccio il polso rimarca la suddivisione ritmica interna

Vediamolo in pratica:

Un caso molto interessante è questo dall’overture Tragica di Brahms:

E infine un famigerato passaggio dalla terza di Brahms…

 

3 Comments

  1. Arman Azemoon 04/11/2016
  2. Marco 04/11/2016
    • Ennio Nicotra 04/11/2016

Leave a Reply